•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Siamo un branco di intolleranti, dal primo all’ultimo, basta vedere il modo in cui reagiamo ad un’opinione contraria alla nostra: per prima cosa ci irrigidiamo pietrificando il nostro cuore, poi partiamo all’attacco con furia, quasi non avessimo davanti un altro essere fallibile come noi; non di rado non cerchiamo neanche di capire che cosa l’altro ci sta dicendo. Ma va bene così, in fondo, perché la natura umana è fatta così, debole e fragile, e incapace d’amare, di comprendere, di approfondire e di conoscere. La tolleranza è, in poche parole, impossibile, a meno che non ci si trovi davanti ad un amico o ad una persona  per cui, per una qualche ragione incomprensibile, si prova una qualche forma di affezione che ci permette di spostare lo sguardo da noi stessi e dalla nostra idea. Il che mette abbastanza in crisi tutto il sistema valoriale che si è creato dall’Illuminismo ad oggi…

Commenti